Volevo parlare d’altro …..ma devo parlare di Ferrero

Sono successe tante cose:

i migranti che hanno occupato il Duomo a Napoli dopo un incendio nel fatiscente stabile dove vivevano vedi articoli di Dacia Valent e Francesco Caruso, lascio che ne parlino loro che hanno qualche lettore in più del sottoscritto e che soprattutto conoscono i fatti.

è saltato l’accordo del WTO  e ne sta parlando tutta la stampa posso solo dire di esserne felice, se volete sapere qualcosa in più avete l’imbarazzo della scelta sia nella “stampa borghese” (per usare un linguaggio vetero) sia in quella comunista..

Ma ho letto i commenti su Ferrero da parte dei blogger e devo precisare un po di cose.

Enrico Morriconi ha realizzato un bell’articolo di cui riporto  uno stralcio

la vera differenza tra i documenti delle due mozioni sta proprio nel rapporto con il Pd. Mentre Vendola dava segni di apertura senza dichiarare quali dovevano essere i termini del confronto, e i segnali erano ben recepiti da quella parte del Pd che sperava in una sua vittoria anche per ribaltare i rapporti di forza interni tra Veltroni e D’Alema e ha dato vita ad un bombardamento mediatico subito dopo l’esito del congresso di rifondazione dimostrando quali attese vi fossero, Ferrero, al di fuori di interpretazioni di comodo, mette al centro di ogni eventuale rapporto o contatto un’analisi preliminare sui progetti condivisi e realizzabili e sull’esito effettivo e realmente utile, dal punto di vista sociale, delle scelte fatte e dei risultati ottenuti.

PoveroBucharin dice “tanto vale chiamare Rifondazione DP,c’è Ferrero , Russo Spena…” si ma dimentica che c’è Grassi (ex PCI), Mantovani (ex PCI) e che a sostenere Ferrero c’erano anche giovani che come me DP e il PCI li hanno conosciuti sui libri di storia (quando nacque il PRC avevo 11 o 12 anni!!).

AndreaCosta del PD abruzzese è preoccupato perchè sarà difficile il dialogo con la nuova Rifondazione, e ha ragione dialogare sui contenuti e cadere se gli accordi non sono rispettati è piu difficile specie se si vuole fare felice confindustria.

ElfoBruno >”Quindi tu mi dici che quel partito è il male assoluto (e ti do pure ragione) e non ci vuoi avere a che fare. E subito dopo esordisci con un’auspicabile “maggiore autonomia dal pd anche se non usciremo dalle giunte locali“. ”  ecco Elfo, compagno che stimo e che leggo volentieri ha preso una cantonata(per non avere seguito il congresso), Ferrero ha sempre parlato di incompatibilità col PD “QUI ED ORA” al governo nazionale, di rilancio del partito nelle istanze di base, quindi coerentemente  non ci sarà un no generalizzato al PD, ma la scelta verra lasciata alle istanze di base competenti (CPR per regionali, CPF per provincie e grandi citta, circoli per i comuni normali) che sono libere di decidere se con il PD del loro territorio ci sono le condizioni per continuare una giunta con il PD o per fare accordi politico elettorali. Insomma piu potere alla periferia e meno al centro, d’altronde se nel comune “pinco pallo” il PD ha gente per bene disponibile a una politica di sinistra perche non fare un accordo?

NicolaVacca un uomo di destra dice di Ferrero “Lo stalinismo becero di Ferrero ha vinto. A sinistra si consuma un altro dramma. Sì, avremmo preferito un comunista che si interroga, a un altro che è convinto di ripartire dalle drammatiche giornate della Rivoluzione d’Ottobre. Rifondazione comunista finisce in un gulag.” Ferrero stalinista? nemmeno sotto effetto di LSD uno potrebbe dire una boiata simile…Ferrero viene da Democrazia Proletaria che criticava l’URSS quando il PCI (Vendola aderi alla FGCI nel 1972 quando si esaltava l’URSS di Breznev) non si era ancora staccato da Mosca, Ferrero è un uomo che era non violento , obiettore e pacifista quando pochi lo erano ed infine un uomo che ha una fede religiosa che elegge i propri pastori…

Le critiche a Ferrero : è piu difficile parlare con lui (ovvio mette i contenuti davanti alle alleanze) , non è per uscire da tutte le giunte (vuole dare più peso alle istanze di partito locale, non vuole imporre a circoli o federazioni dei diktat siano essi governisti o antigovernisti), viene da Democrazia Proletaria (quale crimine!! il primo partito comunista non filosovietico), infine : è stalinista, la più ridicola delle accuse : un valdese di DP stalinista!! perchè non accusare allora Pannella di clericalismo?

PS come immagine di questo articolo ho scelto il logo di DP, apperentemente diventata il diavolo della storia della sinistra

4 Risposte to “Volevo parlare d’altro …..ma devo parlare di Ferrero”

  1. lascia perdere il fatto che è valdese… lo è anche Illy… e non vuol dire niente, anzi, direi che hanno in comune la natura delle patate. Comunque chi vivrà vedrà. E io scommetto che non si uscirà da nessuna giunta…

  2. io ho citato il suo valdismo solo in relazione alle accuse di stalinismo che gli ha mosso Vacca (ma ho citato anche DP)…e il valdismo ha influenzato pesantemente la sua prassi politica e la sua etica infatti ha sempre sostenuto il “socialismo autogestionario” rispetto al burocratismo stalinista

  3. Però Vendola ha battuto Fitto e la dx-mafiosa in puglia, come negare l’incisiva vittoria? Parlano i risultati.

  4. non nego la vittoria di Vendola contro Fitto , significa che dovra fare il presidente della regione…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: