TFR : avevamo ragione noi estremisti disfattisti?

Non mi piace farlo, ma mi tocca , devo dire: VE L’AVEVAMO DETTO! Noi, i militanti di Rifondazione Comunista, Sinistra Critica,del PCL  nel mondo politico,deil sindacalismo di base e rete 28 aprile nel mondo sindacale , di Attac  nel mondo dell’associazionismo avevamo messo in guardia contro i rischi di perdita dei risparmi, venivamo accusati di disfattismo, populismo e allarmismo che non si sarebbe investito in mercati a rischio come l’Argentina ma in aziende sicure come ad esempi la Lehman Brothers in effetti non hanno investito in Argentina ma nella Lehman Brothers , certo si è scoperto che nel mercato non esistono investimenti sicuri, ma cos’è un po di rischio rispetto allo stare al passo coi tempi? Eh si lo stato sociale pubblico è un po fuori moda, non garba alla CGIL, non garba al PD, piace solo a noi nostalgici del Sol dell’Avvenire, ma oggi cosa diranno i sostenitori del TFR nei fondi? Ammetteranno che noi Cassandre avevamo ragione? o magari parleranno di Incidente di percorso? o ci diranno che serve pazienza perché  l’albero delle monete d’oro cresca?

5 Risposte to “TFR : avevamo ragione noi estremisti disfattisti?”

  1. scusate ma he c’entra la lehman brothers con i fondi TFR? I fondi pensione diversificano gli investimenti secondo le normali pratiche di risk management, in altre parole tutti i fondi avranno una quota di titoli di lehman o altri garantiti dalla banca americana, e quindi registreranno delle perdite, ma la diversificazione compenserà tali perdite…
    Diversificando riduci il rischio del singolo investimento, agganciandoti al beta di mercato, quindi magari non nel breve in occasione delle congiunture negative ma sul lungo termine i fondi cresceranno fintanto che crescerà il mercato globale, cosa che ha sempre fatto e in ritmi ben superiori ai contributi dati all’INPS…. Sarebbe strano ora un fallimento dei fondi pensione oggi, e nel caso sarebbe più incompetenza dell’amministratore che rischiosità dei fondi stessi
    Bisognerebbe ipotizzare un crollo generalizzato e a lungo termine dell’economia globale o in alternativa una tempesta nel breve di tale portata da impedire ai fondi di compensare nel medio lungo termine perdite a breve termine
    Quello che stava succedendo ad AIG che ha i mezzi x salvarsi ma le mancava il tempo
    Quello che in verità poteva (potrebbe?) anche succedere adesso se vi fosse stato un effetto cascata dopo il fallimento (mancato per fortuna) pure di AIG, ma proprio per questo c’è stato un intervento così tempestivo per salvare quest’ultima, esistono comunque meccanismi di difesa
    bye

  2. Ma chi è l’economista anonimo che ha postato?
    Consiglio un ritorno sui banchi di scuola.
    Come che c’entrano i fondi pensione?

  3. @anonimo cosa c’entra? se i fondi pensione investono in aziende che falliscono o il cui valore crolla perdono, in particolar modo se sono “aziende sicure” dove quindi finirebbe una fetta grossa del fondo , invece con la pensione pubblica hai dei rischi minori

  4. Tutti i titoli nascondono la trufa sotto.
    Chi è quel matto che ti garantisce il capitale? Se così fosse non esisterebbe il rischio.
    Sta di fatto che tutto ciò che è “finanziario” è una rendita parassitaria, atta solo a speculare. Niente altro.
    Mauspezz

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: