Malmö : Resoconti dal Forum

Due resoconti dal Social Forum Europeo di Malmö uno datato 18 settembre, all’indomani dell’apertura del Forum l’altro datato 21 settembre dopo il corteo di chiusura del forum, un forum più freddo come dice Anna di SdL, meno partecipatoma che nonostante tutto c’è , va avanti e fa proposta politica.

Malmo, un forum sociale apparentemente più freddo, e non solo per la temperatura

di Anna Camposampiero, SdL Intercategoriale

Sì è aperto ieri, 17 settembre il quinto Foro Sociale Europeo, a Malmo, Svezia. Come sempre ci sono i soliti media che accompagnano l’arrivo dei giovani “sovversivi” paventando la distruzione della città, e fino al giorno prima dell’apertura era praticamente impossibile percepire l’atmosfera che accompagna di solito i social forum, con non moltissima gente alla cerimonia di apertura. (Leggi Tutto)

Il corteo sembra sbucare dal bosco di Rosengard, ampio a sudest del centro tra i palazzoni popolari e il camposanto

di Checchino Antonini, Liberazione

Il corteo sembra sbucare dal bosco di Rosengard, ampio a sudest del centro tra i palazzoni popolari e il camposanto. Sul prato sono stese centinaia di striscioni e bandiere. Lo striscione viola “Kill the compromise” (ammazza il compromesso) spacca il colpo d’occhio e rivela la striscia consistente di tute e cappucci neri sul verde scuro del prato. E’ il blocco antifascista, protagonista del “Reclaim the street” della notte prima che ha fatto titolare i tabloid sulla Gatufesten , la festa di strada, andata fuori controllo: alcune ore di musica e petardi nella centralissima Triangeln, all’ombra dei venti piani dell’Hilton. Per un po’ polizia e manifestanti si sono fotografati a vicenda mentre, intorno, si ballava e si giocava a pallavolo usando uno striscione con scritto Smash the capitalism come rete. Andrà a finire con una vetrina di banca in frantumi e molte scritte colorate sulle vetrine dirimpetto di un ufficio della municipalità. Brucia una macchina ma si tratta di un gruppetto di giovanissimi fuori da ogni controllo. La polizia, in forze, con cani, cavalli, ruspe e tute spaziali, non perde la calma e blocca all’ingresso del centro i mille e passa, ragazzini perlopiù. Verso mezzanotte un piccolo scontro, dieci arresti ma nessun ferito, pare, e niente panico da parte del Noc, il comitato organizzatore nordico, artefice del Fse. Il blocco -autonomi, anarchici, squatter, “antifa” – sono considerati una componente del movimento, nessuno si sogna di prendere le distanze anche se il compromesso di cui parla lo striscione viola si riferisce al partito socialdemocratico accusato di aver voluto uno spazio normalizzato per la kermesse altermondialista. (Leggi Tutto)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: